• 08 APR 16
    Qi Gong, il nuovo corso proposto dal Poliambulatorio Oberdan

    Qi Gong, il nuovo corso proposto dal Poliambulatorio Oberdan

    Il Qi Gong è una disciplina antichissima nata in Cina e di cui si hanno notizie sin dal IV secolo (a.C.). È una pratica che associa la meditazione a lenti movimenti del corpo. Lo scopo del Qi Gong è conoscere se stessi, arrivare alla consapevolezza del proprio corpo, della sua struttura e delle energie che in esso scorrono e che lo governano. Il fine di questa pratica è preservare la salute psicofisica dell’individuo, quando sano, ed agire su di esso quando è afflitto da problematiche di vario genere. I principi alla base del Qi Gong sono tre: la postura, il respiro e la consapevolezza.

    Come per l’Agopuntura, anche le teorie alla base del Qi Gong postulano l’esistenza di correnti energetiche che governano il corpo: la malattia e il disagio sono quindi frutto di uno squilibrio di queste energie. Lo scopo del Qi Gong e della sua pratica è colmare lo sbilanciamento energetico, riuscendo a coordinare e armonizzare le proprie energie.

    I due principali rami di applicazione del Qi Gong sono uno medico-curativo e l’altro di preparazione alle arti marziali. I suoi principi basilari hanno origine nella medicina cinese; negli anni, poi, una sua variante meglio conosciuta con il nome di Tai Chi ha preso piede anche nelle arti marziali. In alcuni casi il Qi Gong è utilizzato anche dagli attori per entrare in contatto con il proprio corpo e giungere ad una maggiore concentrazione e consapevolezza di sé e tenere sotto controllo l’emotività. Il Qi Gong annovera numerosi stili. A partire da alcuni esercizi base, che sono stati ereditati dai maestri, nel corso dei secoli sono poi nate differenti correnti. Varie scuole hanno personalizzato la disciplina ma tutti i rami del Qi Gong possiedono un denominatore comune: il lavoro sulla postura, il respiro e la consapevolezza. Il Qi Gong è molto diverso da tutte le altre pratiche fisiche poiché al suo interno un ruolo determinante è rappresentato dall’aspetto meditativo e immaginativo.

    I principali stili di Qi Gong sono attualmente quattro e si differenziano proprio per l’utilizzo della pratica e il fine ultimo che si intende raggiungere. Alcune pratiche sono state ideate a scopo preventivo e riequilibrativo, altre a scopo curativo. La disciplina può essere praticata ovunque. Per farlo, e per raggiungere la concentrazione necessaria, è importante saper arrivare ad una condizione che nella medicina cinese è definita “di pace interiore”. In alcuni casi per pervenire a questo risultato possono essere utili la musica o alcuni incensi che attivano, attraverso le note e gli odori, determinati meccanismi che agevolano la concentrazione e la meditazione.

    Il raggiungimento della pace non è un traguardo ma rappresenta la chiave di inizio, uno stato che fornisce la possibilità di entrare in contatto intimo con se stessi, una condizione all’interno della quale poi si può lavorare.

    Quando?  Tutti i venerdì alle 16 presso  il Poliambulatorio Oberdan.

     

    Per maggiori informazioni ed iscrizioni rivolgersi alla reception.

    Scarica la locandina del corso in PDF –> LOCANDINA

Pin It on Pinterest