• 08 AGO 14
    L’ecocolordoppler venoso e arterioso degli arti inferiori

    L’ecocolordoppler venoso e arterioso degli arti inferiori

    L’ EcocolorDoppler consente di studiare i principali vasi sanguigni (vene, arterie) rilevando le loro modificazioni e le caratteristiche del flusso del sangue al loro interno.

    L’ EcocolorDoppler arterioso degli arti inferiori permette di valutare la presenza di stenosi (restringimento) e occlusioni delle arterie delle gambe e di aneurismi (dilatazioni del vaso). Stenosi ed occlusioni possono causare ischemie (mancanza di sangue) e quindi la necrosi dei tessuti degli arti interessati. I fattori di rischio che favoriscono il generarsi delle placche sono: fumo, diabete, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia e l’età. Gli aneurismi – dilatazioni arteriose causate da una patologia della parete dell’arteria – sono invece causa di disturbi del flusso arterioso che può esitare in rottura dell’arteria o nella sua occlusione. La malattia che scaturisce dalla stenosi e/o occlusione e’ chiamata arteriopatia obliterante cronica periferica presente nel 3-10 % della popolazione generale e nel 20% degli over  70. L’ AOCP è spesso sotto-diagnostica e non trattata mentre sarebbe utile sottoporre a screening la popolazione oltre 40-50 anni di età. Il sintomo e’ la “claudicatio intermittens” ovvero cammino con dolore che viene interrotto da pause di riposo. Infatti, il flusso di sangue già ridotto in condizioni di base non riesce a far fronte alla maggiore richiesta del muscolo che lavora con conseguente sofferenza del muscolo e quindi dolore. L’ EcocolorDoppler arterioso degli arti inferiori permette di vedere la sede della stenosi ed il grado e l’alterazione del flusso attraverso il tratto patologico. Quindi permette di impostare la giusta terapia.

    L’Ecocolordoppler venoso del arti inferiori invece è indicato quando un arto aumenta di volume e diventa più duro alla palpazione per scongiurare la presenza di una trombosi di un vaso venoso del circolo profondo che metterebbe a rischio di eventuale embolia polmonare; inoltre l’ecocolor diventa derimente per l’eventuale decisione per un trattamento chirurgico o scleroterapico o con altre possibili metodiche, di una vena varicosa. Può essere utile eseguirlo per scoprire insufficienze venose che passerebbero altrimenti non riconosciute o per confermare la presenza e l’estensione di eventuali processi trombotici che possono colpire le vene insufficienti del circolo venoso superficiale.

Pin It on Pinterest