La dermatite atopica: un problema per bambini e adulti

A cura del Dott. Minetti, specialista in Allergologia

Cos’è la dermatite atopica?

La dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica della pelle abbastanza frequente nella popolazione generale interessando circa il 20% dei bambini  e 1-3% degli adulti.

Sintomi e modalità:

Caratteristica della cute atopica è la secchezza cutanea con prurito e lo sviluppo di una dermatite chiamata eczema. Questi sintomi possono essere comuni ad altri tipi di patologie cutanee, ma nella dermatite atopica l’eczema si presenta in sedi tipiche. Sono infatti classicamente coinvolte le pieghe cutanee, anche se ci possono essere quadri in cui la dermatite interessa vaste aree. Nei lattanti le sedi più colpite sono il viso, il collo, il cuoio capelluto; negli adulti le pieghe degli avambracci, delle ginocchia e del collo. Il quadro clinico varia quindi da sola cute secca ad aree circoscritte o diffuse di eczema più o meno eritematoso, secco, vescicolante, essudante, lichenificato.

Le manifestazioni cliniche si presentano solitamente dalla prima infanzia ma possono esordire anche in età adulta. Una buona parte dei bambini con dermatite atopica crescendo riferirà  manifestazioni cutanee meno frequenti e fastidiose o solo il persistere di cute secca e sensibile. Altri continueranno invece ad avere sintomi cutanei con variabilità di frequenza e di intensità anche in età adulta.

Perché si presenta ?

La dermatite atopica è causata da difetti genetici nella produzione di proteine che servono al normale trofismo cutaneo , la cui alterazione  risulta in una cute con difetti di barriera, disidratata, secca, più sensibile, pruriginosa ed infiammabile. La dermatite atopica quindi non è causata da una allergia, ma dipende da fattori genetici e per questo si presenta più facilmente con ambito famigliare.

Una buona percentuale dei pazienti con dermatite atopica, sempre per predisposizione genetica all’atopia, presenta nella vita sintomi allergici come rinocongiuntivite, asma bronchiale, allergia alimentare o dermatite allergica da contatto. La presenza stessa di dermatite atopica può essere una possibile via di sensibilizzazione e quindi una facilitazione allo sviluppo delle classiche patologie allergiche prima citate. Esistono comunque pazienti con dermatite atopica che non riferiranno mai nella vita sintomi allergici.

Terapia:

La cute di chi ha la dermatite atopica deve essere costantemente “coccolata” anche in fase di remissione, ed anche nei distretti cutanei in cui non si presenta il prurito o l’eczema. Bisogna quindi

  • Idratare la cute costantemente mediante l applicazione quotidiana di creme idratanti e/o lenitive studiate per la cute atopica
  • Utilizzare per la detersione cutanea (sapone, shampoo, doccia schiuma, detergenti) prodotti studiati per la dermatite atopica
  • Evitare l’utilizzo di ammorbidenti per i vestiti
  • Evitare fattori irritativi facilitanti-precipitanti il prurito, ovvero evitare il contatto con lana o vestiti sintetici
  • Evitare di lavare la cute troppo spesso

Nelle fasi acute con prurito e/o eczema è necessaria una terapia farmacologica volta a diminuire il prurito e ridurre/mandare in remissione l’Infiammazione per prevenire il peggioramento delle manifestazioni e l’eventuale sovrainfezione batterica della cute lesa. Si utilizzano quindi terapie locali con creme cortisoniche di potenza variabile in base alle esigenze o in certi casi creme con attività immunosoppressiva come gli inibitori della calcineurina. Anche la fototerapia viene utilizzata in casi selezionati. In presenza di una sovra infezione batterica si dovrà ricorrere ad una terapia antibiotica locale o per os.

Nelle forme molto infiammate nonostante la terapia locale, si puo’ ricorrere ad un ciclo di cortisone per os, ma la gestione e la terapia delle forme gravi ed insistenti, non responsive alle terapie locali, si effettua, in assenza di controindicazioni, con un farmaco ad attività immunosoppressiva, la ciclosporina e se non efficace neppure questa si può ricorrere ad una terapia biologica con dupilumab. L’antistaminico non è in grado di portare a remissione un eczema attivo e può essere utile solo nel diminuire la sensazione di prurito ed il relativo grattamento.

Le misure igieniche e le varie possibili terapie elencate non sono in grado di cambiare il difetto genetico cutaneo, ma sono volte a prevenire, diminuire, mandare in remissione i fastidiosissimi sintomi in modo da permettere al paziente con dermatite atopica di avere una migliore qualità di vita.

È importante quindi anche nelle forme di modesta entità eseguire una valutazione allergologica per impostare la terapia più adeguata e per valutare la concomitante presenza di patologie allergiche.

Prenota la tua visita allergologica al numero 030 2330006 il lunedì e giovedì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.30

 

RICHIEDI
UN APPUNTAMENTO

Hai bisogno di informazioni
oppure necessiti di fissare un appuntamento
con il Poliambulatorio Oberdan per un consulto?