• 15 DIC 16
    I mali di stagione si combattono con l’attività fisica

    I mali di stagione si combattono con l’attività fisica

    Sapete che i sedentari rischiano di prendersi raffreddori, sinusiti e tonsilliti tre volte in più rispetto a chi fa sport? Certo, il movimento da solo non basta per rinforzare le difese del sistema immunitario: fondamentale anche un’alimentazione sana ricca di vitamine, proteine e sali minerali. Ma non bisogna dimenticare che l’efficacia della stessa attività fisica dipende molto dal suo “dosaggio”, come ricordano gli esperti del settore.

    Ecco quindi tre curiosità sull’importanza dello sport nella prevenzione dei malanni di stagione:

    Perchè l’attività fisica migliora le difese immunitarie? Perchè stimola, fornendo loro energia, un gran numero di anticorpi responsabili della protezione del nostro organismo da microbi e batteri. Anche il vaccino contro l’influenza funzione meglio in chi fa attività fisica regolare piuttosto che nei sedentari.

    Che caratteristiche deve avere l’esercizio per aiutarci? Serve un allenamento che faccia lavorare tutto l’organismo e punti su tre fronti: resistenza, potenza muscolare e senso dell’equilibrio. Quest’ultimo è il frutto di un delicato e cruciale meccanismo, che coinvolge anche il cervello. Perchè chi raggiunge una forte “stabilità” psicofisica ha delle difese più efficienti.

    Quindi più sport si fa meglio è? Non è del tutto vero. Gli sforzi eccessivi posso trasformarsi in un boomerang. Il regolare esercizio fisico a moderata intensità riduce il rischio di prendere infezioni, mentre gli sport a livelli più intensi posso indebolire le difese immunitarie. Anche in questo caso, quindi, l’equilibrio è la chiave per ottenere il massimo risultato in termini di prevenzione.

     

    Tratto da Il Ritratto della Salute

Pin It on Pinterest