• 30 NOV 15
    Gli infortuni più comuni del corridore

    Gli infortuni più comuni del corridore

    Molti runner corrono senza mai porsi il problema di prevenire l’infortunio. Vivono nell’assurda convinzione che a loro non toccherà mai o che, se succederà, basterà rivolgersi a un qualunque terapeuta per risolverlo in poco tempo; oppure pensano che a loro non dovrebbe succedere perché “un organismo sano deve poter correre senza problemi”. Invece è proprio chi si approccia alla corsa in maniera occasionale e amatoriale ad essere più incline a traumi ed infortuni.

    Ora analizziamo alcuni degli infortuni più comunica fra i runner:

    Infiammazione plantare
    Si tratta di un’infiammazione alla base del piede, uno dei problemi peggiori che “affligge” il mondo dei corridori. Si manifesta con una forte sensazione dolorosa alla base del tallone che può estendersi e diventare lancinante, un po’ come fare un passo su un chiodo. Le cause vanno ricercate nel sovrallenamento, l’uso di calzature improprie o usurate.

    Infiammazione al tendine d’Achille
    L’infiammazione del tendine d’Achille o tendinite dell’Achille è una condizione comune che provoca dolore lungo la parte posteriore della gamba vicino al tallone. Il tendine d’Achille è il più grande tendine nel corpo umano. Collega i muscoli del polpaccio al calcagno e viene utilizzato quando si cammina, si corre e si salta. Anche se il tendine di Achille può resistere a grandi sollecitazioni quando si corre o si salta, può infiammarsi, un problema questo associato con un uso eccessivo e con la degenerazione.

    Sindrome della bandeletta ileotibiale

    La sindrome della bandelletta tibiale (più correttamente, ileotibiale o ileo-tibiale), nota anche come ginocchio del corridore, sindrome da frizione oppure sindrome della benderella ileotibiale, è un processo di tipo infiammatorio a carico della zona ileotibiale, ovvero l’ultimo tratto della fascia femorale (o fascia lata), quella che riveste i muscoli superficiali della coscia. La sindrome della bandelletta ileotibiale può essere considerata, sostanzialmente, una sindrome da sovraccarico (come, per esempio, l’epicondilite e la tendinopatia del tendine di Achille) le cui cause possono essere fatte risalire al concorso di fattori predisponenti e di condizioni di tipo sportivo.

    Periostite

    La periostite è un processo infiammatorio a carico del periostio. Il periostio è la membrana che avvolge le ossa e che svolge una funzione di protezione, nutrimento e rigenerazione ossea. Attraverso questa membrana, i muscoli si inseriscono all’osso tramite strutture tendinee o aponeurotiche. La patologia può interessare un solo osso (solitamente la tibia, nella sua forma più comune) oppure più elementi dello scheletro. Nel corridore è molto frequente la periostite tibiale (detta anche sindrome da stress tibiale mediale). Questa è un’infiammazione del periostio che avvolge la tibia sul lato interno, causata da un sovraccarico funzionale all’origine del muscolo tibiale posteriore dall’osso.

Pin It on Pinterest