• 09 DIC 14
    Depressione e ginnastica

    Depressione e ginnastica

    Lo sport offre una sana valvola di sfogo allo stress e ai disagi accumulati, modifica la biochimica del cervello, aumentando la produzione di specifiche sostanze che potenziano il tono dell’umore e migliorano lo stato di benessere generale. Per questo motivo l’attività fisica dovrebbe sempre entrare a far parte  di qualunque trattamento per la cura della depressione.  Una ricerca statunitense ha dimostrato che trenta minuti di attività aerobica praticati per almeno tre volte a settimana per un periodo di un anno offrono un risultato sovrapponibile a quello di alcune psicoterapie nel trattamento della depressione. Praticare sport, in particolare l’attività aerobica, aumenta la temperatura corporea, stimolando il rilassamento muscolare e la diminuizione delle tensioni. Inoltre il movimento incrementa il rilascio delle endorfine, dopamina, serotonina e noradrenalina.  Si tratta di ormoni e neurotrasmettitori del benessere che producono una sensazione conosciuta come “l’euforia del corridore”, uno stato di entusiasmo senza un motivo particolare, che nasce dopo aver praticato un’attività fisica in modo continuativo.  Così lo sport si rivela valido per aiutare nei momenti di depressione.

    Immagina il tipo di attività sportiva più in sintonia con la tua personalità o che in passato hai praticato con piacere.  Quando hai deciso, a piccoli passi, senza perdere tempo in chiacchiere, mettiti in gioco seguendo queste indicazioni.

    È facile che all’inizio sia difficile “darsi una mossa”. Pensa però lo sport come un momento di svago da dedicare a te stesso. Ti sarà più facile compiere il primo passo.

    – Inizia da quello che sei in grado di fare.
    – Verifica come si modifica il tuo umore
    – Asseconda le sensazioni momento per momento, ascoltando il corpo.

    Non vivere l’attività fisica come un impegno o come una performance da realizzare a tutti i costi. Non porti obiettivi troppo lontani nel tempo e difficili da conseguire. E non eccedere: il corpo ha bisogno anche di moneti di riposo per recuperare le energie perdute. Altrimenti potrebbero scattare effetti ansiogeni contrari, contropropducenti contro la depressione.

Pin It on Pinterest