Lunedì-Venerdì 8-20 - Sabato 8-13

Episodio 34: attraverso la crisi

“Precipitare ti insegna a volare”

brano “Domani” dei Pooh

Quante volte ci capita di dire, o di sentire, espressioni come “Sono in crisi”, “Questo mi mette in crisi”? Come se, nello stesso momento in cui le pronunciamo, ci rendessimo conto di trovarci in una situazione in cui stiamo perdendo il nostro equilibrio. Come se ci trovassimo in bilico tra una circostanza conosciuta e una, invece, a noi oscura. Qualsiasi situazione, infatti, può farci percepire una sensazione di pericolo, come se ci mancasse la terra sotto i piedi. La crisi può emergere di fronte a qualsiasi stimolo che ci toglie stabilità. La diagnosi di una malattia, la fine di una relazione significativa, la perdita del lavoro … sono momenti in cui tutto sembra essere cupo. Ci si sente schiacciati e sopraffatti dalla situazione, che incombe e pesa come un macigno. Fa male tutto. Manca il respiro. Non è per nulla facile e nessuno dovrebbe sentirsi in dovere di rialzarsi immediatamente. Ma anche la nascita di un figlio, l’entrata nel mondo del lavoro, un trasferimento oppure una vincita al superenalotto … sono situazioni che, seppur vissute con gioia, ci mettono davanti ad una scelta. Proviamo paura, siamo preoccupati, perché siamo fuori dalla nostra comfort zone e ci sentiamo disorientati. Rischiamo di perdere la nostra identità, il nostro equilibrio e questo genera meccanismi difensivi di paura, aggressività o paralisi.

Ed è in questi momenti che possiamo avere l’occasione di crescere, cambiare, o semplicemente riflettere su ciò che ci è accaduto. Abbiamo la possibilità di entrare in contatto con qualcosa di sconosciuto, testare le nostre capacità e conoscere noi stessi, scoprendo nuovi itinerari. Vorremmo che si risolvesse tutto subito, ma non sempre è così, perché rimettere insieme i pezzi richiede tempo, sofferenza e coraggio di scegliere, abbandonando ciò che già conosciamo e veleggiando verso l’ignoto. Se ne sentiamo la necessità, possiamo chiedere aiuto alle persone vicino a noi o a un professionista. Possiamo piangere o urlare? Certo … anzi, in quel modo potremmo liberare la nostra mente e il nostro cuore per avere spazio per nuove prospettive. Il momento di crisi, allora, potrebbe essere occasione di cambiamento, grazie alla nostra resilienza, la capacità di riadattarsi di fronte alle difficoltà. Possiamo vederlo come un’opportunità, anche se all’inizio fatichiamo a vederlo come tale. Ciò che viviamo e proviamo  potrebbe farci scoprire nuovi aspetti di noi. Per andare avanti forse dobbiamo metterci in discussione.

Quando sperimentiamo un momento di crisi, potremmo, sì, perdere il nostro equilibrio, ma abbiamo anche l’occasione di trovarne uno nuovo.

Per approfondimenti:

  • Malaguti, E. (2005). Educarsi alla resilienza: come affrontare crisi e difficoltà e migliorarsi. Erikson
  • Sepe, D., Onorati, A., Rubino, M.P. & Folino, F. (2011). La funzione evolutiva della crisi: dalla terapia alla ricerca. Rivista di Psicologia Clinica

“DIREZIONE PSICOLOGIA: Una bussola per il quotidiano”

Vi è mai capitato di avere difficoltà a concentrarvi e a dormire poco e male, senza sapere il perché? Di rinunciare a qualcosa per paura di fallire? Di non sapere come comportarvi davanti ad un evento improvviso? A partire da episodi di vita quotidiana, in brevi articoli rifletteremo insieme, sempre accompagnati da riferimenti scientifici, su come funzioniamo, cosa proviamo e perchè.

Potete leggere i nostri articoli sul sito del Poliambulatorio Oberdan /Attività/ Direzione psicologia  https://www.poliambulatorioberdan.it/direzione-psicologia-bussola-quotidiano o sulla pagina Facebook Poliambulatorio Oberdan

RICHIEDI
UN APPUNTAMENTO

Hai bisogno di informazioni
oppure necessiti di fissare un appuntamento
con il Poliambulatorio Oberdan per un consulto?